Nelle grandi città la temperatura, sia in estate che in inverno, è più alta rispetto alle zone rurali vicine. Per una città di medie dimensioni si calcola che tra centro e zone rurali, ci siano tra gli 0,5 °C e i 3 °C di differenza, con rilevanti variazioni del microclima.
Il fenomeno, noto con il nome di “isola di calore” (Urban Heat Island), è dovuto soprattutto al maggior assorbimento di energia solare da parte delle superfici asfaltate e del cemento degli edifici: In estate nelle ore più assolate, le strade e i tetti delle case possono raggiungere spesso temperature superiori a 60-90 °C.
I Cool Roofs sono tetti che si scaldano poco, grazie ad un’elevata capacità di riflettere l’irradiazione solare incidente e, al contempo, di emettere energia termica nell’infrarosso. Essi possono fornire un’efficace soluzione al problema del surriscaldamento estivo dei singoli edifici e delle grandi aree urbane, e mitigano gli effetti dell’isola di calore.

Scarica la documentazione relativa